Open Data To Be Proactive


Cos’è Open Data To Be Proactive?

Un invito a realizzare un’esperienza di apprendimento che

  • suggerisce una pista di lavoro, modificabile in relazione alle esigenze del gruppo che apprende,
  • valorizza ed impiega, preferibilmente, dati e risorse già disponibili,
  • fa incontrare, com’è naturale che sia, giovani menti e mondo reale,
  • orienta e forma cittadini (digitali),
  • richiede il saper essere visionari.

 

 .

Qual è l’obiettivo dell’esperienza di apprendimento?

Educare cittadini (digitali) affinchè siano in grado di essere proattivi.

L’ambiente formativo, in cui vi è piena integrazione tra dimensione analogica e digitale, deve essere proattivo e deve educare ad essere proattivi. In questo l’uso della Rete risulta determinante perché consente al discente di ampliare il proprio campo esperienziale, in modo determinate se il soggetto è in possesso di un adeguato livello di competenza linguistica (inglese come lingua straniera).

La competenza digitale intesa come impiego competente del web facilita l’allievo nell’attività di interpretare le tendenze e, conseguentemente, nell’anticipare i cambiamenti e pianificare strategie e azioni.

 

Qual è il topic (argomento) dell’esperienza di apprendimento?

“Open data dall’esercizio della cittadinanza all’impresa”.

 

Perché i dati? Perché i dati aperti?

Come cittadini digitali produciamo ed utilizziamo costantemente dati. Quanto ne siamo consapevoli? Qual è la qualità dei dati che produciamo? Utilizziamo e traduciamo in “risorsa” tutti i dati disponibili?

 

Perché è importante fare entrare il mondo in classe?

Le esperienze di apprendimento sono anche esperienze di orientamento.

Come uno studente sceglie per la propria carriera di studi e lavoro? Partendo, è palese, dalle informazioni di cui è in possesso. Una scuola che incontra il mondo, aiuta gli allievi a scegliere mettendoli in contatto anche con realtà che non sperimentano nel proprio quotidiano.

 

Quali competenze l’esperienza di apprendimento intende sviluppare?

Le competenze che si intende sviluppare e consolidare solo le otto competenze chiave per la cittadinanza:

  • la comunicazione nella madrelingua
  • la comunicazione in lingue straniere
  • la competenza matematica e le competenze di base in campo scientifico e tecnologico
  • la competenza digitale
  • imparare ad imparare
  • le competenze sociali e civiche
  • senso di iniziativa e di imprenditorialità
  • consapevolezza ed espressione culturale

 

A chi è rivolto?

Il percorso suggerito risulta maggiormente adatto ad essere realizzato da gruppi di apprendimento composti da allievi del terzo, quarto, quinto anno dei Licei Linguistici e nel quinto anno dei Licei e degli istituti Tecnici.

Tuttavia è aperto alla sperimentazione da parte di gruppi che desiderano confrontarsi con il tema degli open data.

 

Chi compone il gruppo che apprende?

Il gruppo che apprende non è composto da soli allievi ma anche dai docenti a cui è chiesto di vestire il ruolo di facilitatori dell’apprendimento.

Ai docenti non è chiesto di essere tecnici o esperti di open data; è chiesto di mettere in campo il proprio essere professionisti dell’educazione ed istruzione per formare gli allievi come cittadini digitali pronti ad agire le competenze in un mondo che cambia velocemente e chiede a tutti di saper imparare per tutta la vita.

 

Esistono materiali di studio e da chi sono prodotti?

I materiali di studio sono selezionati, prevalentemente, tra qualificate risorse disponibili on line gratuitamente.

 

Creare consapevolezza

Un primo passaggio fondamentale è l’acquisizione della consapevolezza, da parte di docenti, genitori e discenti dell’evoluzione del concetto di cittadinanza in cittadinanza digitale, della necessità di essere formati ad agire le competenze, in modo integrato e complementare, tanto nella dimensione analogica che in quella digitale.

 

In un contesto “fluido” è possibile “imbrigliare” in modelli operativi fissi la progettazione didattica?

La vision suggerita apre la porta dell’aula alla realtà locale e globale attraverso il digitale e punta su un apprendimento che docenti, allievi e contesto costruiscono insieme attraverso un costante dialogo. Si concentra sulla metodologia da impiegare: consultazione di fonti autentiche in Rete e stimolazione alla produzione di output creativi ed innovativi.

 

Formazione formatori

È disponibile un corso gratuito per guidare i docenti a realizzare l’esperienza di apprendimento “Open Data To Be proactive” in classe. Chiedi di partecipare! [sandratroia1973@gmail.com]

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento